venerdì 6 marzo 2009

I Cospiratori

Mi spiace dover notare che ultimamente il tono del "dibattito" sulle scie chimiche si sta inasprendo parecchio. Inizialmente pensavo fossero in pochi a credere che chiunque ponesse delle obiezioni alla teoria delle scie chimiche fosse pagato da un ente occulto, invece sembra che l'opinione sia piuttosto diffusa. Purtroppo le accuse vengono sempre mosse in maniera generica, senza specificare troppo seriamente chi sarebbe pagato e come.
Mi preme quindi "sfidare" i sostenitori della teoria del complotto a scrivere qui il loro parere su di me.
Prego i lettori che non credono alle scie chimiche di dare maggior visibilità possibile a questo intervento (es: sul sito dei Verdi o su Controradio) così che mi possa fare un'idea di quanta gente crede che io sia pagato per mentire.
Chi, invece, crede che esista un complotto mondiale di gente stipendiata per azzittire le voci fuori dal coro e per disinformare sulla questione scie chimiche è gentilmente invitato a descrivere con più dettagli possibili questo tipo di "corruzione", in particolare specificando se io ne sono coinvolto.
Ringrazio tutti per la collaborazione

Aggiornamento 09/02/2009

Vedendo lo scarso successo dell'iniziativa, credo sia il caso di spiegare meglio cosa ho in mente. Mi sembra ormai chiaro che non sia facile trovare una persona considerata onesta dai sostenitori del complotto, se non loro stessi, quindi mi piacerebbe propormi come controparte nel "dibattito" avendo la certezza di essere persona di fiducia. Sul Cicap e su di me se ne sono dette di tutti i colori, ma mi piacerebbe che le accuse venissero formalizzate e quindi che i complottisti rispondessero alla seguente domanda:

"Tra le varie persone che sostengono la totale mancanza di evidenze in merito alla teoria delle scie chimiche, io posso essere considerato un interlocutore onesto e affidabile?
Se no perchè?"

La questione non è secondaria in quanto quando se si vuole trovare la verità (qualunque essa sia) non è possibile interloquire con gente che continua ad accusarti di essere pagato o in malafede; un atteggiamento del genere porta alla morte del dialogo e quindi ognuno parla con se stesso senza alcun progresso. Questa quindi non è una provocazione, ma un invito. I complottisti vogliono un confronto sul tema con chi sostiene (secondo loro sbagliando) che le scie chimiche siano una teoria inventata senza alcun riscontro oggettivo? Immagino di si, se io so di aver ragione perchè dovrei sottrarmi davanti al confronto, inoltre un confronto serio e convincente porterebbe altri a sostenere la teoria delle scie chimiche (io per primo sarei disposto a cambiare idea davanti a prove schiaccianti), il che potrebbe essere utile per la diffusione futura della teoria stessa. Tuttavia prima di ciò bisogna capire se sono un interlocutore affidabile. Prego quindi tutti i sostenitori del complotto di dire la loro.

16 commenti:

2012coming ha detto...

Io sostengo la teoria delle scie chimiche per una serie di fattori ed evidenze alle quali mi sento di dare credito. Io credo che le cospirazioni siano purtroppo all'ordine del giorno, la menzogna è intrinseca nel comportamento sociale, nelle istituzioni. Omissioni e menzogne imputate a militari, governi, aziende e industrie varie sono a mio parere evidenti ed è quindi più probabile che le scie siamo chimiche, anche perché le evidenze del contrario mi sembrano quasi sempre incongruenti. Per quanto per un lungo periodo ho sperato il contrario, oggi credo siano in atto tali operazioni clandestine, domenica scorsa c’era il cielo reticolato di scie a milano, sia persistenti che non. Non credo che quella fosse acqua, perché il giorno dopo non vidi in cielo neanche un aereo, a parte quelli a bassa quota. Cielo blu, fantastico. È ingiusto che una giornata primaverile e il sole che dovrebbe nutrirci vengano coperte di quella roba, che sia o meno vapore acqueo è una scellerata operazione che danneggia l’ambiente e noi che ne facciamo parte. S.Angioni fu intervistato da me mesi fa durante una mia ricerca documentaristica sul fenomeno e fu da subito molto disponibile. Mi rispose in breve tempo via mail e fissammo l'incontro che durò 2 ore e seppure stanco rispose a tutte le mie domande. Valutando la mia esperienza con lui, posso dire che con me è stato educato e rispettoso. Dopo l'intervista svolta nacquero a causa mia 2 problemi:
1- Io avevo fornito a straker senza autorizzazione l'audio dell'intervista nonostante avessimo firmato una liberatoria, io e Angioni, nel quale mi impegnavo a gestire il materiale. Non fu un semplice errore da nulla, venendomeno al nostro accordo rischiai la denuncia. Straker non essendo stato avvertito pubblicò un video con quell'estratto audio.
2- La parte riportata da Straker erano 30 secondi estratti in un ora di intervista in mezzo ad una strada con una fotocamera dopo 2 ore di conferenza e proprio quei 30 secondi nei quali Angioni, stanco delle mie domande, si era confuso tra due tipi di nuvole, riportando comunque correttamente l'articolo presente in letteratura.
Io in seguito alla pubblicazionem a mia insaputam del video, chiesi la doverosa rimozione e Straker rimosse il video. Infine con Angioni, che giustamente era incavolato per il video di straker, rimanemmo così. Io gli scrissi: "Capisco benissimo la sua cautela e la condivido. Mi scuso ancora per quanto è accaduto. Quando avrò realizzato un buon numero di interviste se vuole gliele mostrerò, così potremo accordarci qualora decida o meno di contribuire al mio progetto con l'intervista svolta o con una documentazione scritta. Grazie della sua disponibilità, a risentirci. Andrea - del 6/7/2008 Non ci furono ulteriori scambi di comunicazione. Oggi postai sul blog di straker un breve intervento nel quale accusai Angioni di aver proibito la divulgazione del mio filmato, un inesattezza, ma non scritta in malafede. Dimenticai di quell'ultima mail da me inviata che chiariva che l'intervista era pubblicabile all'interno di un mio documentario previa sua approvazione. Quindi Angioni mi contattò e mi fece rendere conto del mio secondo errore: il mio commento fu quindi corretto da me in modo tale da dire la verità, dato che non è mia intenzione mentire per screditare le persone che hanno teorie che non condivido e questo è il link: http://www.tankerenemy.com/2009/03/lingrediente-non-tanto-segreto-stadis.html#comment-form Se dicessi che Angioni proibì la divulgazione dell'intervista, non sarei corretto, mentirei ora che ricordo bene come andarono le cose.
Ogni giorno vengono aggiunti nomi di persone inserite nella lista nera dei cosiddetti debunkers, senza tener conto che non siamo tutti uguali e non tutti i memrbi del CICAP o di qualunque gruppo, sono implicati in una "congiura del silenzio" per il solo fatto d'essere membri di tal gruppo. Secondo lo stesso principio non tutti i “cospirazionisti” sono visionari, io per es. non mi ritengo tale. Alcuni debunkers/cospirazionisti possono essere in torto, ma in totale buonafede oppure essere costretti ad agire in un certo modo. Quindi fare di tutta l'erba un fascio è sbagliato e io ringrazio Simone per avermi fatto capire questo, per aver voluto chiarire la questione, quando invece altri per offesa non l'avrebbero fatto. L'intervista quindi può benissimo essere divulgata sotto consenso di Simone. Per il resto, considero molto maleducati sia alcuni cosiddetti "debunkers" della famigerata lista, che alcuni cosiddetti "complottisti" dal linguaggio offensivo. Invece chiarirsi, confrontarsi prove alla mano e perdonare i reciprochi errori sono atti pacifici e dovrebbero essere queste le modalità del dialogo. Con me S. Angioni si è dimostrato in linea con tale approccio e per questo ti rigrazio. Andrea

arturo ha detto...

angioni, arriviamo al punto.
un dottore in chimica che ha studiato a fondo il fenomeno "scie dei veivoli militari" non può non essersi accorto che non c'è niente che possa farci pensare ad una normale condensa:
al cicap continuate a dire che "il vapore acqueo che esce dai motori ecc.".
per piacere, angioni, astieniti.
è evidenti che oltre al normale carburante sono presenti degli additivi che interagiscono con gli ammassi nuvolosi: io per esempio vedo praticamente tutti i giorni dei veivoli militari in formazione che passano DENTRO le nubi, e poi, per magia, in pochi minuti le nubi SCOMPAIONO.
ora, io penso che un chimico, nemmeno un buon chimico, ma un semplice essere umano con una infarinatura in chimica di base non possa non accorgersi che i militari svolgono operazioni di controllo climatico: I MILITARI DISTRUGGONO LE NUVOLE, LO VEDIAMO TUTTI I GIORNI.

angioni, smetti di dire che "è solo vapore acqueo" perchè non è vero: qualsiasi cosa esca dai motori degli aeromobili militari, non è solo vapore acqueo, perchè ripeto, DOVE PASSANO QUESTI VEIVOLI LE NUVOLE NATURALI SPARISCONO E IL CIELO DIVENTA BIANCO PERLATO.

angioni, te stai mentento, e lo sai. non pensare nemmeno per un attimo che siamo tutti stupidi ed ignoranti.
se pensi che sia giusto MODERARE LE PIOGGIE TRAMITE APPOSITI AEROSOL dillo chiaro e tondo, oppure astieniti. questo te lo dico pensando che tu sia in buona fede, per così dire.

se invece i militari ti hanno promesso la cattedra o i soldi, se solo l'ennesima persona comprata ed in malafede, come certi loschi figuri che però stranamente non sembrano averti molto simpatico.
è per questo che dico che forse pensi che sia giusto distruggere le nubi e mantenere il segreto militare e meteorologico.
se sono nel giusto, astieniti e smetti di scrivere idiozie, PERCHE' ORMAI E' EVIDENTE CHE DAI MOTORI A GETTO DELL'AERONAUTICA FUORIESCONO DELLE SOSTANZE CHE NON SONO PRESENTI NEI NORMALI COMBUSTIBILI PER AEROMOBILI, ED ALLO STESSO TEMPO E' EVIDENTE E PALESE CHE IL GOVERNO HA AUTORIZZATO I MILITARI A SVLGERE DELLE OPERAZIONI DI CONTROLLO E MODERARAZIONE DELLE PRECIPITAZIONI

fai conto che io so che al CNR sanno tutto, quindi non penso che tu possa prendermi in giro

te lo ridico, astieniti che fai la cosa più giusta. e smetti di dire i cospiratori, smetti di strumentalizzare le parole, non sei un politico.
c'è un controllo climatico in atto, e più in particolare un controllo della formazione di banchi nuvolosi, e te, angioni, lo sai benissimo.quindi basta, non dire più idiozie perchè peggiori solo le cose.
se pensi che sia giusto eliminare le nubi di troppo dillo senza peli sulla lingua.

ah, io aspetto un tuo commento da chimico sul problema degli additivi tossici presenti nei normali carburanti JET-1 ecc.
considera che i sali di bario possono essere NORMALMENTE presenti nei carburanti automatici.

http://www.tankerenemy.com/2009/03/lingrediente-non-tanto-segreto-stadis.html


e poi, angioni, spiegami, da chimico, cosa succede questi sali di bario vengono rilasciati in un banco nuvolo. sai, ripeto, io vedo i veivoli militari che fanno SCOMPARIRE LE NUVOLE. mi sembra che i sali di bario abbiano un effetto che potrebbe combaciare con quello che in molti pensiamo..

i cani ammaestrati e i portaborse devono astenersi dal rispondermi.
le domande le ho poste ad angioni, che almeno è chimico e c'è un foglio di carta che lo attesta.
quindi niente piloti di elicotteri, finti geologi, gente con le parrucche rosse e provocatori falliti.

arturo ha detto...

"considera che i sali di bario possono essere NORMALMENTE presenti nei carburanti automatici"

volevo dire aeronautici

arturo ha detto...

2012coming ha detto:
"Per il resto, considero molto maleducati sia alcuni cosiddetti "debunkers" della famigerata lista, che alcuni cosiddetti "complottisti" dal linguaggio offensivo. Invece chiarirsi, confrontarsi prove alla mano e perdonare i reciprochi errori sono atti pacifici e dovrebbero essere queste le modalità del dialogo. Con me S. Angioni si è dimostrato in linea con tale approccio e per questo ti rigrazio."

2012coming, considera però il fatto che la gente che "offende", si è stancata di essere presa in giro dal governo e dai militari.
questa roba che spruzzano nelle nuvole magari ha evitato dei temporali spaventosi, però non scordiamoci che molto probabilmente è roba tossica.
secondo me la gente che offende è anche troppo calma...e poi consideriamo il fatto che il governo, i militari e il cicap stanno mentendo. possiamo anche immaginarci che stanno irrorando tè verde e vitamine per farci stare bene, però rimane il fatto che stanno mentendo ai cittadini ignoranti.
tra l'altro non penso proprio che i militari miscelino al carburante thè verde e vitamine.....putroppo irrorano delle sostanze che sono ben più nocive.

e poi mi chiedo, se non sono sostanze nocive, perchè i governi si ostinano a tenere tutto sotto segreto militare?

Simone ha detto...

Grazie Andrea, non aggiungo altro. Mi fa piacere che almeno tu non mi ritenga uno sporco bugiardo e nonostante molti pensino il contrario è evidente che non mangio i sostenitori del complotto. Se non concordi su qualcuno degli articoli di questo blog e vuoi fare delle precisazioni, fai pure. Sono qui per rispondere alle domande non per pontificare verità rivelate.

Simone ha detto...

Credo sia il caso di chiarire un mio commento che il nostro Rosario Marcianò continua a citare un pò a sproposito ogni qualvolta si parla di me. Mi riferisco a questo:

"Hanno citato anche Owning the Weather in 2025, il documento dell'USAF già commentato e smentito durante la mia intervista: (http://www.radiobase.net/index.php?id=21,1308,0,0,1,0)

Insomma nulla di nuovo, certo che il ricercatore sotto Marcianò potevano evitarlo, avevano paura che perdesse di autorevolezza senza un titolo?

Detto questo temo che questa trasmissione non sia che la prima, un blando tentativo per sondare il terreno, dubito che ce la caveremo con così poco. Staremo a vedere."

Trovo incredibile che i Marcianò mi possano descrivere nei modi peggiori quasi come il male incarnato e invece si infastidiscano per una frase del genere...ma voi vi chiederete dov'è l'offesa che Rosario continua a citare? Non saprei sembra risentito per la seguente frase:

"certo che il ricercatore sotto Marcianò potevano evitarlo, avevano paura che perdesse di autorevolezza senza un titolo?"

Rosario?! Se io fossi un contadino e sostenessi una tesi, mi darebbe parecchio fastidio che qualcuno "ingigantisse" il mio titolo per darmi autorevolezza. Fare un'operazione del genere significa che chi ti ha dato quel titolo finto ha ritenuto che tu non fossi abbastanza credibile così come sei. Il ragionamento è più o meno questo: "il tizio che parla non è nessuno, sta dicendo un sacco di cose assurde, l'unico modo per renderlo credibile e inventarsi un titolo autorevole". Io questo ragionamento lo riterrei offensivo perchè se quello che dici è giusto, lo è indipendentemente dal titolo che hai che tu sia contadino o laureato. In quella che tu citi come frase offensiva ti stavo difendendo da quello che ti ha fatto Voyager. Chiaro? Spero di si. Io a differenza tua non scredito le persone, mi bastano i dati oggettivi per aver ragione.

AcarSterminator ha detto...

Se mi posso permettere, Simone forse tu non sai che il Marcianò e gran parte degli "attivisti", sono essi stessi ad autodefinirsi "ricercatori", per la precisione "ricercatori indipendenti".
E' dunque probabile che sia stato lo stesso Rosario a indicare quello come "titolo".
Sparo eh, non so... ;)

Michele.

Dario ha detto...

Ciao Simone,
siccome non sono un sostenitore della teoria delle scie chimiche, in questo thread sono un intruso.

Se vuoi rimuovere il commento, capisco benissimo.

Arturo: io sono un fisico con un pezzo di carta (e qualche articolo) che lo dimostra.
Anche se non me l'hai chiesto e non te ne importa niente di sentire le risposte (visti i nostri precedenti scambi di opinioni), ti do ugualmente una risposta da fisico sugli additivi nel carburante dei jet.

La puoi leggere anche in questo commento

Dunque, come dice Hanmar sul suo blog, le quantita' contano eccome.
Stando alla Shell, che il Jet-A1 lo produce, di ADDITIVO Stadis 450 nel carburante ce ne vanno al massimo 3 mg/L.

Il quale Stadis 450 a sua volta, stando alla sua scheda di rischio (per forza di cose, pubblica!) contiene meno del 10% di "di-nonil-naftalen-solfonato di bario" .

Quindi, siamo a 300 microgrammi/litro di questa sostanza, che fanno a occhio e croce 30 microgrammi di bario per litro di carburante.

A cosa cavolo serva quell'additivo nel carburante, non ne ho la minima idea; da fisico, pero', la differenza tra microgrammi (bario), kilogrammi (cherosene) e tonnellate (acqua nelle nuvole) mi e' molto chiara.

Spero che lo sia anche a te.

Simone ha detto...

@Acar

Eh Acar anche fosse così il discorso fatto non cambia di una virgola. ^_^

Simone ha detto...

@Arturo

Spero tu rimanga qui a discutere della questione e non ti preoccupare degli errori di battitura, non mi attacco a certi dettagli. Come ho già detto a me interessano i fatti, non far passare le persone per stupide.
Ti invito a seguire il mio ragionamento e correggimi se sbaglio:
io sono un chimico che evidentemente si è interessanto al fenomeno delle scie rilasciate dagli aerei, quindi se ci fosse un anomalia (o una serie di anomalie) l'avrei per forza notata. Fino a qui concordo. Ora analiziamo le varie possibilità:
1- Io sono in malafede, ho notato varie anomalie, ma faccio finta di nulla.
2- Sono in buonafede, ma sono un incompetente. Non riconoscerei un complotto nemmeno me lo dicessero esplicitamente
3- Sono in buonafede, non ci sono anomalie e tu ti sbagli

Ora tutto sta in mano tua. Se io sono in malafede e mi pagano sta a te dimostrarlo mostrandomi almeno come mi pagano e quanto mi pagano. Sai la logica su premesse false è un ottimo esercizio filosofico, ma ben poco scientifico (dove bisogna dimostrare che la teoria funzioni).
Se io sono un incompetente sta ancora a te dimostrarlo portando delle anomalie scientificamente inspiegabili se non con la tua teoria. Che poi va verificata basandosi su dati sperimentali.
Ora tu dici:
1- Nei carburanti ci sono degli additivi.
Risposta: certo, ci sono in tutti i carburanti in piccole percentuali.
2- Gli additivi interagiscono con le nuvole.
Risposta: Da dimostrare. Un additivo serve a migliorare la combustione del carburante e solitamente viene completamente distrutto durante la combustione stessa.
3- Tu vedi "scomparire" le nubi Risposta: Quindi se io ti mostro un video tu mi sai dire se la scomparsa della nuvola è naturale o meno? Ti va di provare?
4- Sostieni che il bario ci sia normalmente nei carburanti. risposta: qualche prova? a me non risulta. Il bario è normalmente presente in natura. Pensa che sulla terra c'è più bario che carbonio (di cui tutti noi siamo composti). Quindi è normale che ci siano delle leggere impurezze di bario (così come di tanti altri elementi) nei carburanti così come sul comodino (comunemente chiamata polvere). Dove sta scritto che si usa il bario nel carburante? E poi il bario in che stato? Metallico? Come sale? E quale effetto ha il bario sulle nuvole? Io ti posso dire che non ne ha nessuno, però sei tu che dici che mento quindi puoi facilmente smentirmi.
Vuoi un commento sugli additivi tossici? Bene: sono necessari per far funzionare un motore, purtroppo inquinano, ma a seconda dell'efficienza della combustione la loro dispersione può essere considerata trascurabile. Il benzene viene usato nelle benzine per automobili come antidetonante. E' molto tossico, ma brucia durante la combustione liberando anidride carbonica ed acqua, stesso dicasi per tutti gli additivi organici (composti di carbonio).
Ripeto mi fa piacere che tu abbia avuto il coraggio di accetare la mia sfida accusandomi di mentire, adesso non ti resta che dimostrarlo.

Simone ha detto...

@Dario

nessun problema, solo una domanda:
dove hai letto che lo stadis 450 contiene il sale di bario?
In questo link (credo abbastanza di parte):

http://chemtrails.cc/docs/Stadis450_antistatic_additive_MSDS.pdf

si riporta solo acido solfonico del dinonilnaftalene e non il sale di bario. Dove sbaglio?

Dario ha detto...

Ciao Simone, hai ragione tu.

Non ci crederai, ma mi sono fidato di Straker!
Nel suo post su TankerEnemy parla del sale di bario.
Leggendo la scheda superficialmente, non mi sono accorto che invece contiene il solfonato e non il suo sale.

Questo invalida i miei conti:
0 (zero) bario, kilogrammi di kerosene e tonnellate di nuvole.

Meglio ancora, direi!

Nico ha detto...

Ciao Simone.
L'errore di Straker (sia esso in buonafede o meno) è questo:
Nel file

http://chemtrails.cc/docs/Stadis450_antistatic_additive_MSDS.pdf
viene nominato l'acido solfonico del dinonilnaftalene

Lui ha cercato quella parola e ha trovato questo file
http://www.epa.gov/hpv/pubs/summaries/dinapcat/c15766tp.pdf che ha linkato come fonte 10)

In quel file viene analizzata TUTTA la categoria del dinonilnaftalene. Data la congenita scarsa attitudine verso la chimica e la lingua inglese, non ha letto l'intero documento.. gli è bastato leggere "barium" in uno dei derivati.

Secondo lui questi due documenti dicono che nell'additivo del jet fuel viene messo bario. Cosa totalmente falsa.

Fioba ha detto...

Ciao a tutti, vi volevo avvisare che Giovedi 12 marzo alle 9.35 su Controradio Firenze (www.controradio.it) ci sarà un microfono aperto con la presenza in studio di Corrado Penna (pro scie) ed un'altra persona (non so chi) pro scie condensa.
il link per lo streaming è:
"http://streaming.controradio.emmi.it:8190/listen.pls"
Il telefono è 055-7399933

Sarebbe bene intervenire, per quanto possibile. Io ho un po di difficoltà in quanto sono impegnato in cantiere.

Il penna ha gia iniziato la pubblicità qui:
"http://www.tankerenemy.com/2009/03/ringraziamenti-e-segnalazioni.html#c3067981777828674076"

--------- omissis ---------
# scie chimiche su controradio di Firenze giovedì mattina

purtroppo oltre al mio intervento ci sarà pure quello di un collaborazionista dell'operazione chemtrails
seguirà un "telefono aperto" con possibilità di intervento in diretta del pubblico; non ho ovviamente garanzie assolute che questa diretta venga gestita in maniera equanime, e sappiamo bene di quali privilegi godono queste persone che operano all'ombra dei servizi segreti
ad ogni modo penso che quei 5 minuti in cui potrò parlare valgano la pena
sicuramente i debs si stanno organizzando per intervenire a modo loro al telefono aperto, quindi invito tutti gli amici toscani a sintonizzarsi e se possibile ad intervenire
By Blogger corrado, at 10 marzo, 2009 22:00

#corrado spiega bene il fatto che le nuvole scompaiono dopo il passaggio dei tankers militari.
i disinformatori quando sentono delle nuvole che scompaiono vanno completamente nel pallone, provare per credere
By Blogger arturo, at 10 marzo, 2009 22:07

#Bene Corrado, con te non avranno gioco facile.
By Blogger Straker, at 10 marzo, 2009 22:09

---------omissis -----------

#Corrado, è importante che la questione delle scie non sia presentata come "teoria", ma come problema reale. Comunque lo sai meglio di me.
La scienza contro la menzogna. La menzogna è simile ad una strega imbellettata, sempre strega rimane.
Giusto Arturo.
Luka, anch'io sto ultimando un articolo su HAARP, ma basato su studi altrui. Vedrai che le conclusioni covergeranno.

Ciao a tutti.
By Blogger Zret, at 10 marzo, 2009 22:39
---------omissis---------

Facciamoci sentire il più possibile (compatibilmente con i propri impegni di lavoro)

Ciao

Fioba

Simone ha detto...

@Dario

In principio non escludo che anche il sale di bario sia solubile in solventi organici come il kerosene, ma solitamente proprio per questioni di inquinamento si evita di inserire metalli pesanti come additivi. Più o meno è il discorso del piombo tetraetile usato come antidetonante nella benzina prima del benzene. Entrambi gli additivi sono tossici solo che il primo si liberava tal quale nell'ambiente e si accumulava (oltre ad incrostare il motore con gli ossidi), il secondo viene bruciato durante la combustione a liberare acqua e anidride carbonica. Un sale di bario è quindi più utile e meno dannoso quando si parla di oli lubrificanti (ad esempio per le catene), anche perchè dopo la combustione diventerebbe un fastidioso solido che distruggerebbe il motore, probabilmente è per questi motivi che si usa il diacido invece del sale.

Simone ha detto...

Noto che a parte Andrea e Arturo nessuno ha il coraggio di venirmi a dire "in faccia" se sono pagato dai servizi segreti per mentire. Devo dedurre che sono un interlocutore affidabile e onesto?
Arturo per favore argomenta le tue affermazioni, non basta accusare qualcuno di essere un bugiardo per renderlo vero.
Mi spiace di non aver potuto partecipare alla trasmissione su controradio, ma avevo un impegno di lavoro. Cercherò di non mancare la prossima volta.