giovedì 17 dicembre 2009

I misteriosi UFO su Firenze

A fine Ottobre Skure in un commento mi chiedeva:

"Simone, mi daresti più elementi di comprova per il caso del '54 di cui hai parlato?

E' una semplice curiosità, ne ho sempre sentito parlare (del caso) e non ho mai approfondito ulteriormente."


Rispondo con quasi due mesi di ritardo, ma l'argomento è vasto e non potevo riassumerlo in un commento.

Siamo a Firenze il 27 Ottobre del 1954, pare una giornata come tante altre fino a che alle 14.20 un gruppo di oggetti volanti in formazione non inizia a sorvolare la città. Molte persone assistono alla scena e addirittura la partita Fiorentina-Pistoiese, che si stava giocando in quelle ore, viene sospesa a causa delle strane "manovre" di questi velivoli.
Che sia avvenuto qualcosa nei cieli di Firenze non c'è alcun dubbio, non solo ci furono molti testimoni, ma alcuni di questi furono intervistati qualche anno fa da Voyager. Tra questi Giorgio Batini (giornalista de La Nazione e mancato proprio pochi mesi fa), Ronaldo Lomi e Romolo Tuci (all'epoca in campo durante la partita).
Proprio la dichiarazione rilasciata da quest'ultimo a Voyager, con una naturalezza impressionante, mi ha sempre lasciato perplesso:

"I dischi volanti, era il tempo, anche, che giravano"

Insomma pare ci fosse un po' una moda all'epoca dei dischi volanti, se ne vedevano ovunque. Questo aspetto non è da sottovalutare quando si cerca di distinguere ciò che è stato visto, da ciò che era realmente in volo quel giorno.
Se ci fermassimo qui, questo non sarebbe altro che uno dei tanti avvistamenti storici di cui poco si può dire non essendoci video o fotografie del fenomeno. Invece dopo il passaggio di questi UFO, dal cielo, inizia a cadere una strana sostanza che, una volta raccolta, scompare molto rapidamente.
Nonostante questa difficoltà di campionamento il misterioso materiale viene analizzato dal Prof. Canneri, chimico analitico dell'Università di Firenze. Le analisi mostrano la presenza di Silicio, Boro, Alluminio, Calcio, Magnesio e Ferro.

Fin qui la descrizione del caso, vediamo ora la possibile spiegazione. La composizione chimica del materiale, anche se rende l'avvistamento decisamente anomalo, in realtà ci aiuta a capire l'origine dell'evento.

Gli elementi riscontrati dal Prof. Canneri sono esattamente gli stessi che si trovano nel chaff, ovvero quella contromisura radar utilizzata ampiamente ancora oggi durante le esercitazioni militari. Questo ci fa pensare che i famosi UFO non fossero altro che aerei militari durante un'esercitazione, tuttavia il rilascio di chaff è pirotecnico, quindi si sarebbero dovute vedere delle sfere luminose. Riporto, a questo proposito, la testimonianza di Ronaldo Lomi:

"Sembrava come se avessero un cerchio, una cosa così luminosa, con questa sfera intorno, che formava come un cerchio"




Le segnalazioni sono proseguite anche nei giorni seguenti, di questo abbiamo varie testimonianze anche fotografiche, ma in questo caso quello che si vede sono filamenti molto simili a quelli prodotti dal ballooning dei ragni.
Probabilmente essendo fine ottobre il fenomeno del chaff si è sovrapposto a quello della migrazione dei ragni dando l'idea di un evento geograficamente molto vasto e ripetuto nel tempo.

4 commenti:

Orsovolante ha detto...

mmmmmm
Sai che sono uno scettico... ma questa spiegazione mi convince poco...
Intanto lo chaff non compie evoluzioni...
Non fosse per le analisi delle sostanze, la mia esperienza volovelistica mi fa venire in mente un altra spiegazione.

Chi vola in aliante sa che le termiche portano a quote notevoli vari tipi d'insetto.
Alcuni tipi di uccelli conoscono altrettanto bene il fenomeno e capita spesso di vederli volare in grande numero al top della termica li dove le correnti ammucchiano , quasi come fa la risacca, quello che hanno sollevato dal suolo.
Il fenomeno è cosi evidente per chi vola che tra i segnali che meglio indica la presenza di una termica c'è lo stormo di rondini che volano freneticamente alla base di una nube. Un paio di anni fa mi trovai a volare sotto un "gomitolo" di grosse poiane. Sembrava che tutte quelle della val di Susa si fossero date appuntamento li. Il motivo era probabilmente la vigorosa termica che portava in quota qualche ghiotta e facile preda.

Ora un folto gruppo di ragni durante il balooning è sicuramente una buona occasione per gli uccelli che si nutrono di insetti e piccole prede.
Dentro le città ci sono sempre stati numerosi stormi di uccelli.
Mi è capitato di vedere dei filmati di storni, con il loro tipico volo di gruppo.... danzante, venire spacciati da fuffologi vari per ufo o addirittura per "nubi radiocomandate"

questo è un esempio... non fuffaro ma rende l'idea.

http://www.youtube.com/watch?v=YadP3w7vkJA&feature=related

Ora immaginiamo la scena... arrivano i ragni, gli uccelli se ne accorgono e vanno a banchettare... magari ad una quota e ad un orario insoliti....

Non dico che questa sia la soluzione corretta... ma personalmente mi convince di più.

Possibile che nemmeno uno spettatore abbia fatto una foto?

W.B. ha detto...

cicap cuneo... dice già tutto.
solita apertura mentale, solita arrampicata sugli specchi.
insolitanotizia

W.B. ha detto...

per i ragni volanti poi...
grasse risate
http://insolitanotizia.blogspot.com/2009/05/la-leggenda-dei-ragni-volanti.html

Simone ha detto...

Cicap Cuneo? Puoi spiegarti meglio?
Non mi pare che qualcuno qui abbia detto che la migrazione dei ragni spieghi tutto. Ci sono casi come Firenze dove è evidente il rilascio di chaff.


@Orsovolante

Non abbiamo descrizioni delle evoluzioni, in ogni caso la composizione di ciò che è caduto su Firenze lascia pochi dubbi sul fatto che quel giorno ci fossero degli aerei militari in esercitazione in zona.